Key economic data

i dati di oggi si sviluppa in tutte le regioni e tutti sono tenuti ad avere un impatto significativo sulle loro rispettive economie.

Dagli Stati Uniti ci aspettiamo i dati ISM Non-Manufacturing PMI, che data la recente raffica di peggio di dati attesi dagli Stati Uniti, USD tori spera in dati migliori del previsto se non vi è alcuna speranza di mantenere un rialzo dei tassi settembre vivo. dati migliori del previsto vedranno l'aumento di USD come vediamo rialzo per la probabilità di un rialzo dei tassi, mentre i dati peggiori del previsto vedranno il USD svalutare come la probabilità di rialzo dei tassi diminuisce ulteriormente.

La Banca nazionale svizzera presidente Jordan è dovuto anche a parlare oggi e sarà interessante vedere la sua visione sulle condizioni economiche globali e locali attuali. Data la valute svizzere natura di essere una valuta rifugio sicuro, la BNS ha nel corso degli ultimi anni sono impegnati in una battaglia senza fine per evitare che il CHF da apprezzare troppo come questo pesa pesante sui paesi esportatori. Doveva annunciare ulteriori azioni da parte della BNS per ammortizzare l'franchi, vedremmo la valuta venduto su tutta la linea, mentre hawkishness formica da lui vedrà la CHF apprezzare in valore.

Il dollaro australiano è dovuta per i dati più importanti dopo la decisione di tasso di ieri sera in cui la RBA ha lasciato i tassi invariati al 1,50% e consegnato dichiarazione del tasso in cui la banca ha preso un piuttosto neutro (leggi falco) vista sullo stato dell'economia australiana anche. Qualora i dati del PIL di oggi battere le aspettative, vorremmo vedere il AUD apprezzare ulteriormente, mentre un dato peggiore del previsto vedranno il AUD restituire alcuni dei suoi recenti guadagni come si deprezza contro i suoi omologhi.

dati economici chiave di oggi sono i seguenti:

Stati Uniti d'America

  • ISM Non-Manufacturing PMI atteso a 55,4

CHF

  • Discorso Presidente della BNS Jordan

NZD

  • GDT indice dei prezzi previsto in precedenza al 12,7%

AUD

  • PIL q / q previsto al 0,4%